1

basketgessi

BORGOSESIA 10-09-2019 Davanti ad un gran numero

di tifosi nero-arancio e agli irriducibili Dunkers, che non si sono lasciati sfuggire l'occasione di vedere impegnati i propri beniamini sul parquet di casa, gli Eagles, ancora alle prese in settimana con faticosi carichi di lavoro con doppie sedute di allenamenti giornalieri e con il roster ridotto per gli acciacchi di Petracca e Faragalli, hanno mostrato evidenti segni di miglioramento e quello che sarà il futuro gioco di Valsesia Basket. Al di là del risultato, nei primi venti minuti di gioco si è vista crescere l'intesa e l’amalgama tra i giocatori valsesiani, anche se il lavoro di coach Domenico Bolignano e del suo staff è ancora in fase embrionale e il cammino da percorrere, per farsi trovare pronti alla prima di campionato, è ancora impegnativo e faticoso. Al rientro dall’intervallo, la Paffoni, squadra energica costruita per il passaggio di categoria, ha spinto sull’acceleratore e conquistato il match. Un ringraziamento particolare a tutti  i tifosi e agli amanti della palla a spicchi, che hanno raccolto l'invito della società del Presidente Maurizio Ballarini a partecipare numerosi a questa partita di basket benefica: infatti l'intero incasso del match è stato devoluto alla Casa di Riposo “Sant’Anna” di Borgosesia. Durante l’intervallo è stato consegnato un assegno simbolico al Presidente della Casa di Riposo Ing. Pier Luigi Moretta da parte del giocatore nero-arancio Nicolò Cazzolato insieme al Presidente Maurizio Ballarini, al vice-presidente Franco Gilardi e all’assessore allo sport del Comune di Borgosesia Paolo Urban, sempre presente, disponibile e sensibile (e anche tifoso!) alle iniziative di Valsesia Basket. Come sempre, quando si tratta di solidarietà, i tifosi della pallacanestro rispondono compatti con commoventi slanci di generosità, partecipando attivamente e numerosi alle nobili iniziative di sport e solidarietà organizzate dalla società nero-arancio: infatti la somma devoluta è stata di ben 1.200 euro.